Scopri il Centro Storico di Genova

Un grande, affascinante, labirinto.  In cui perdersi, poi ritrovarsi, poi perdersi ancora... sedotti dalla bellezza dei  palazzi storici appartenenti al Patrimonio Unesco; tentati dai profumi della cucina tipica che si affacciano dalle antiche sciamadde, le gastronomie tradizionali che sono da sempre una forma di street food, prima ancora che la parola fosse inventata. 

Con i suoi  113 ettari di superficie  è uno dei  centri storici medievali più estesi d’Europa . Il centro storico genovese è costituito da vicoli (caruggi)  che si aprono  in  piazzette, spesso legate, come le chiese che vi si affacciano, a importanti famiglie nobili.

Lo spirito di Genova risiede proprio nei vicoli, dove si mischiano, da sempre, odori, sapori, lingue e culture diverse. E il centro storico, più di qualsiasi altra parte di città, è da sempre un melting pot.  In questi spazi, situati tra la colline e il mare, l’orgoglio dei ricchi mercanti e dei nobili genovesi fece edificare  splendide  dimore, dove furono raccolte e custodite per secoli  opere d’arte, ancora visibili all’interno di alcuni dei palazzi, oggi musei.

In questo insieme  di edifici,  gli  stili architettonici  si sovrappongono: il muro medievale fa da base ad un edificio del quattordicesimo secolo, loggiati gotici sono oggi trasformati in locali alla moda. Nel centro storico di Genova  il passato fa da fondamenta al presente.

Immancabile, una visita alla Cattedrale di San Lorenzo, eretta intorno all’anno 1098 su una precedente basilica del V - VI secolo e ampliata nei secoli in forme solenni e preziose. La cattedrale intitolata a San Lorenzo Martire custodisce le ceneri del patrono della città San Giovanni Battista, giunte a Genova alla fine della Prima Crociata.

Da non perdere anche l'ampia Piazza De Ferrari, fulcro della vita genovese,  Piazza Matteotti con la chiesa del Gesù - un’altissima espressione del barocco internazionale a Genova, con opere di Rubens, Vouet e Carlone - e Via Garibaldi, cuore del sito UNESCO Rolli e strade nuove.

Situata a ridosso del più importante scalo portuale cittadino, Piazza Banchi fu l’antica sede del mercato del grano. In seguito fu ribattezzata piazza “dei banchi” (XII sec.), per la presenza dei banchi dei cambiavalute posizionati sotto i portici dei vari palazzi.

Nel centro storico di Genova, il tempo pare essersi fermato:  palazzi nobiliari  e  splendide chiese  si intervallano a  botteghe  in attività da oltre 100 anni, dove le specialità sono ancora preparate secondo antiche ricette e gli oggetti di artigianato vengono lavorati secondo tradizioni secolari. Genova è una città ricca di  botteghe storiche  e anche i nomi delle vie richiamano spesso un passato legato alle attività artigiane e alle corporazioni, come Via degli Orefici o Vico del Ferro. Chi solleva lo sguardo agli incroci apprezzerà le magnifiche  edicole votive  che venivano donate dalle antiche corporazioni per illuminare le strade di notte.

La parte più antica della città si visita soprattutto  a piedi: è bello   passeggiare tra un vicolo e l’altro  e camminare nelle zone più ricche di vita. Mentre passeggiate, potrete ammirare anche le Mura del Barbarossa, che circondano Genova col loro incedere imponente,   oggi perfettamente integrate nel tessuto cittadino.

 

Itinerari

Nella piantina allegata, sono evidenziati  quattro itinerari, contraddistinti da diversi colori (blu, rosso, verde e arancione) che si snodano lungo le principali direttrici della città antica; all’interno delle   aree evidenziate sono rintracciabili alcune delle più significative attrazioni ed emergenze artistico culturali cittadine. Autentici tesori, da scoprire e ammirare, attraverso passeggiate e percorsi di visita da intraprendere in totale tranquillità e sicurezza.
Il percorso blu, parte dall’area della stazione Marittima, conduce verso l’Acquario e le attrazioni del Porto Antico per poi inserirsi nel cuore del centro storico.
Il percorso contraddistinto dal colore rosso conduce lungo le vie dove sono ubicati alcuni tra i più significativi Palazzi dei Rolli, le antiche dimore genovesi, Patrimonio dell’Umanità Unesco.
Il tracciato verde invita alla scoperta dei caratteristici vicoli, i “caruggi” genovesi, che inaspettatamente lasciano spazio a suggestive e colorate piazzette.
L’itinerario arancione è invece dedicato alla Genova Medievale e ai suoi angoli ricchi di storia e fascino, popolati da chiese, torri, edicole votive e antichi portali.  
 
Tante occasioni per muoversi agevolmente tra i prestigiosi Palazzi, le rinomate Botteghe Storiche e gli angoli più caratteristici e suggestivi del centro storico genovese. Alcuni spunti di vista qui.

Info utili